Header Ads


STUDIARE ALL'UNIVERSITÀ POPOLARE DEGLI STUDI DI MILANO

A vent'anni, ci si pongono obiettivi molto chiari: trovare un lavoro ben remunerato, farsi una famiglia e vivere una vita felice, magari entrando presto nel mondo del lavoro. Ma con il passare del tempo può esserci il desiderio di ottenere quella laurea mai conseguita.
Vedersi superare da persone più giovani, solo in virtù di una laurea, può mettere scatenare il desiderio di tornare a studiare. La sensazione è quella che la laurea consenta di accedere a posizioni lavorative migliori altrimenti inaccessibili, raggiungendo anche posizioni manageriali. È possibile tornare all’università anche dopo anni di lavoro? Può sembrare complesso, ma in realtà non è necessario rinunciare al lavoro o alla vita familiare per tornare sui banchi, grazie alla possibilità di studiare online in una università telematica.


Le lezioni si tengono online, ed è possibile frequentarle in qualunque momento della giornata, frequentando una sede fisica solamente in occasione delle sessioni di esame. Ci si può iscrivere a corsi di laurea “su misura”, grazie alle proposte dell’Università Popolare degli Studi di Milano, una Università Internazionale fondata nel 1901 che nel suo lungo percorso ha saputo adattarsi ai tempi e migliorarsi costantemente.


L’università Popolare degli Studi di Milano ha l’obiettivo di venire incontro le esigenze degli studenti, specialmente quelli over 30, che devono conciliare la volontà di studiare con il proprio ruolo familiare e lavorativo. I corsi di Laurea Triennale, Magistrale, e i Dottorati di ricerca proposti non hanno obbligo di frequenza, non prevedono il numero chiuso, sono fruibili su una piattaforma online e sono strutturati pensando alle necessità dei lavoratori. Al momento dell’iscrizione è possibile inviare il proprio curriculum e in base all'esperienza lavorativa o precedenti studi, un collegio di docenti valuta la preparazione individuale e quantifica il numero di CFU (crediti formativi) riconosciuti, attribuiti in base all'esperienza totale dello studente, professionale e formativa, valorizzando l’esperienza personale con lo stesso valore dato alle nozioni acquisite sui libri. La procedura di riconoscimento dei crediti da attività professionali e dal curriculum personale, compatibilmente con il percorso di studi intrapreso, permetterà di “saltare” alcuni esami, avvicinando la laurea. L’Università Popolare degli studi di Milano è un'Università Internazionale che non fa parte dell’ordinamento italiano ma che è riconosciuta a statuto speciale come Università Internazionale con titoli avente valore legale secondo la Convenzione di Lisbona sul riconoscimento del titolo in tutta Europa. È ufficialmente affiliata alla University of United Popoular Nations di Ouagadougou ed è ufficialmente partner dell'Università di Stato di Ouagadougou, nello Stato del Burkina Faso oltre che dell’Università di Stato Bouaké, in Costa d’Avorio, e può rilasciare i titoli accademici per conto delle predette università. Fra i corsi proposti dall’Università Popolare degli Studi di Milano si trovano percorsi triennali e biennali magistrali in Sociologia ad indirizzo psicologico, Scienze Politiche a vari indirizzi, Scienze della Comunicazione, Giurisprudenza internazionale ciclo unico (non abilitante all’esame di Stato), Ingegneria civile ambientale (non abilitante all’esame di Stato), Economia e Diritto, e Criminologia. Le lezioni online possono essere integrate, in maniera del tutto facoltativa e volontaria, con formazione in aula, mentre le sessioni di esame e la discussione della tesi si terranno in date flessibili e largamente programmabili, in varie sedi italiane, da nord a sud. Le iscrizioni sono aperte tutto l’anno e si può cominciare a studiare in qualunque momento. L’Università Popolare degli studi di Milano vanta una segreteria agile e dinamica, in cui la burocrazia è gestita in modo tale da ottimizzare i tempi e iniziare a studiare il prima possibile.

L’Università Popolare degli Studi di Milano è autorizzata a rilasciare titoli di studio in Italia?
Si, grazie al trattato di Lisbona. Sulla Gazzetta Ufficiale si legge infatti che:

L’università Popolare degli Studi di Milano è regolarmente iscritta all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche n° 58241FKL M.I.U.R. Membro della Confederazione Nazionale delle Università Popolari Italiane (Personalità Giuridica D.M. Università del 21/05/1991 – Gazzetta Ufficiale del 30/08/1991 n°203 anno 132°).
Autorizzata il 14.10.2011 (Roma), con presa d’atto Ministeriale, prot. 313, MIUR Ministero dell’Istruzione – Università – Ricerca; Trastevere 76/A – 00153 Roma, F.to., il sottosegretario del MIUR Senatore Guido Viceconte per rilasciare i titoli accade- mici e con approfondimento di presa d’atto del 14.10.2011 a cura della segreteria Tecnica del Sottosegretario Senatore Guido Vice- conte prof. Roberto Leoni; Dirigente Tecnico -a r. – Consulente che conferma la piena capacità giuridica di svolgere la formazione e rilasciare titoli accademici con valore legale (in virtù di sede della UUPN) in conformità della Convenzione di Lisbona (25-7-2002 supplemento ordinario della gazzetta ufficiale serie generale n.173) Lisbona 11 aprile 1997 “ Convenzione sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all’insegnamento superiore nella regione europea” in virtù e rispetto della convenzione.

L’Università Popolare (internazionale) degli Studi di Milano ha voluto proprio per estrema trasparenza pubblicare tutti gli atti che confermano il riconoscimento ufficiale da parte del MIUR, e anche da parte di Albi particolari ai quali chi si laurea presso questo ente può accedere. Li trovate qui.



ISCRIZIONE AD ALBI DI STATO

Lo dice il DPR n. 328/2001 che permette a chi lo desideri di svolgere questo semestre prima del conseguimento della laurea, direttamente nel corso di studi universitario, alla sola condizione che venga stipulata una convenzione fra l’Università ed il Consiglio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati.

Alla data del 5 ottobre 2016 i Corsi di laurea convenzionati sono 209 e come è possibile visionare l’Università Popolare di Milano insieme ad altre Università è inserita nella Convenzione per lo svolgimento del tirocinio professionale durante il corso di studi universitario.

In particolare dal DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, INGEGNERIA EDAGRIBUSINESS
– Classe L-7 “Ingegneria Civile e Ambientale”
– Classe L-18 “Scienze dell’Economia e della gestione aziendale”
– Classe L-26 “Scienze e Tecnologie alimentari”

In quali nazioni opera l’Università Popolare degli Studi di Milano?

L’Università Popolare degli Studi di Milano opera in Costa d’Avorio, Burkina Faso e Madagascar, grazie a gemellaggi con le università locali, stipulati con l’intento di aiutare le persone di quei paesi a studiare nel loro paese, consentendo loro di migliorare la propria vita grazie alla formazione universitaria. Data la motivazione che aveva portato alla nascita delle università popolari, vale a dire consentire alle fasce deboli delle popolazioni di accedere alla formazione scolastica, l’Università Popolare degli Studi di Milano si rivolge a paesi extraeuropei per rispondere alla sua vocazione, antica ma sempre attuale, di fornire formazione a coloro che non potrebbero permettersela, prendendo sotto la sua tutela paesi e centri di formazione che hanno un effettivo bisogno di essere aiutati. Non si tratta dell’unica università ad operare in Africa, infatti numerose università italiane hanno stretto rapporti di collaborazione in Burkina Faso e in particolare con l’Université de Ouagadougou. E poi ecco le Università sempre italiane che hanno stretto accordi con le sedi universitarie della Costa d’Avorio.

Quali sono i corsi disponibili?
Oltre alle “facoltà” di Sociologia, Scienze Politiche e Scienze della Comunicazione, l’Università Popolare di Milano promuove ancora corsi di “Ingegneria Civile e Ambientale” che permettono l’iscrizione all’Albo degli Agrotecnici, regolarmente autorizzati e riconosciuti dal MIUR, come si può leggere qui, grazie al riconoscimento ottenuto dal MIUR nel sistema universitario italiano.

Nessun commento